Stai visitando l'archivio per israele.

Ragazzo ebreo manifesta contro Israele (e finisce molto male)

19 novembre 2012 in Politica estera, Video

Nella stessa Israele v’è un flebile dissenso alle politiche militari nei confronti della popolazione palestinese, duramente contrastate o represse, come dimostra questo video di alcuni mesi fa

 

Ciao, sono Ronny, un cittadino israeliano

26 marzo 2012 in Campagna sensibilizzazione, Politica estera

Ciao, sono Ronny. Ho 41 anni. Sono un padre, un progettista grafico, un insegnante, un cittadino di Israele. E ho bisogno del vostro aiuto. Ultimamente, nei telegiornali, sentiamo preannunciare una guerra. Enorme. I governi parlano di distruzione, autodifesa, come se questa guerra non avesse a che fare con noi. Tre giorni fa, ho pubblicato un poster su Facebook. Il messaggio era semplice: “Iraniani, non bombarderemo mai il vostro paese, vi amiamo”. Accanto al poster ha aggiunto: “Al popolo iraniano, a ogni padre, madre, figlio, fratello e sorella. Perché ci sia un guerra tra di noi, è necessario che prima abbiamo paura l’uno dell’altro. Dobbiamo odiare. Io non ho paura di voi, non vi odio. Non vi conosco nemmeno. Nessun Iraniano mi ha mai fatto del male. Non ho nemmeno mai conosciuto un Iraniano … giusto uno a Parigi, in un museo. Un tipo simpatico. Qualche volta qui vedo un Iraniano in TV. Parla di una guerra. Sono certo che non rappresenta tutto il popolo iraniano. Se sentite qualcuno in TV parlare di un bombardamento su di voi … state certi che non sta rappresentando tutti noi. Non sono un rappresentante ufficiale del mio Paese. Ma conosco le strade della mia città, parlo ai miei vicini, i miei famigliari, i miei amici e a nome di tutte queste persone … vi vogliamo bene. Non abbiamo alcuna intenzione di farvi del male. Al contrario, ci piacerebbe incontrarvi, prendere un caffè assieme e parlare di sport. Continua a leggere questo articolo →

da tommaso

Lettera aperta ai cittadini israeliani

24 luglio 2011 in Appelli, Politica estera

di Marisa Conte

Cittadini di Israele,
noi siamo Cittadini d’Italia ma, insieme a voi e ai Cittadini di qualunque altro Paese, siamo cittadini del mondo. E’ in qualità di Cittadini del Mondo che desideriamo parlarvi. I confini geografici possono essere una necessità ma limitano il riconoscersi tutti nel comune sentire di semplici Esseri Umani, ognuno con le proprie paure, le proprie fragilità, i propri sogni.

“Siamo tutti sulla stessa barca”, diciamo in Italia. Sarà per questa simbologia, forse, che siamo tanto legati alla Freedom Flotilla. Ne avete, sicuramente, sentito parlare; magari, vi avranno detto che i suoi passeggeri sono cattivi, terroristi, che vogliono la vostra fine. Non è così! Continua a leggere questo articolo →

Vittorio Arrigoni è morto

15 aprile 2011 in Scelti per voi

Con immenso dolore riprendiamo da Peace Reporter

Vittorio Arrigoni è stato strangolato dai rapitori durante un blitz dei miliziani di Hamas nella casa in cui era tenuto ostaggio a Gaza City.

Vittorio Arrigoni è morto.
Il suo corpo è stato trovato questa notte intorno alle 1.50 in un’abitazione nella Striscia di Gaza, nel quartiere Qaram, periferia di Gaza City. La notizia è stata dapprima diffusa da fonti di Hamas e poi confermata a PeaceReporter da un’attivista dell’International Solidarity Movement. Hamas, il movimento islamico che controlla il territorio della Striscia, non è riuscito a mediare per la sua liberazione. Continua a leggere questo articolo →

Il mostro di Siracusa

18 marzo 2011 in Articoli

A Siracusa il primo radar anti-migranti prodotto in Israele
di Antonio Mazzeo, 25 febbraio 2011

Il traliccio alto 36 metri è stato installato in tempi record e si attendono le ultime autorizzazioni per accendere il potente radar che darà la caccia alle imbarcazioni dei migranti nel mar Mediterraneo. L’ultimo strumento di vigilanza anti-sbarchi sorge nel cuore di una delle aree più pregevoli della Sicilia sotto il profilo ambientale, paesaggistico ed archeologico, Capo Murro di Porco, all’interno dell’area marina “protetta” del Plemmirio di Siracusa. Il radar Continua a leggere questo articolo →