Stai visitando l'archivio per finanza.

Lettera dalla Grecia

24 febbraio 2012 in Articoli, Economia

Pubblichiamo una lettera dalla Grecia di qualche giorno fa:”

Ciao carissimi,
le notizie dal …fronte sono pessime. Stasera i ns governanti venduti e traditori, hanno chiesto il voto del parlamento per passare il nuovo piano d’austerità in un paese ormai allo stremo. Quattro ministri ed una ventina di parlamentari che sostengono la maggioranza, si sono già dimessi. Rifiutano di contribuire alla svendita del paese. Alle 17.00 si riunisce il popolo fuori dal parlamento e la votazione inizierà verso mezzanotte. Noi crediamo che i traditori alla fine ce la faranno e domani leggerete tutti che la Grecia si è salvata!!! Non c’è bugia più grande ed informazione più distorta!!! E’ la svendita di un paese che sarà compiuta, rendendo i propri abitanti…schiavi da 2 soldi!!! E la Grecia è solo l’inizio!! Stanno già in fila: Portogallo, Irlanda, Spagna, Italia e Belgio. Chi non lo vede è perduto. Continua a leggere questo articolo →

L’Islanda si libera dal Fondo Monetario Internazionale

16 ottobre 2011 in Articoli, Economia

da Voci dalla strada

L’Islanda è fuori dal Fondo monetario internazionale.

La Nazione-isola del Nord Europa si sta riprendendo dalla crisi economica indotta dal monetarismo usuraio internazionale e lo sta facendo in modo del tutto opposto a quello che viene generalmente propagandato come inevitabile. Niente salvataggi da parte di Bce, Fmi o Banca Mondiale, niente cessione della propria sovranità a nazioni straniere, ma piuttosto un percorso di riappropriazione dei diritti e della partecipazione, e un coinvolgimento dell’opinione pubblica nazionale tra le più alte d’Occidente.
Rinascita Continua a leggere questo articolo →

ANTIBANKS DAY – 17 SETTEMBRE – OCCUPAZIONE DI PIAZZA AFFARI

10 settembre 2011 in Appelli, Campagna sensibilizzazione, Economia, Eventi, Scelti per voi

RETE DEI CITTADINI invita tutti i cittadini a partecipare all’iniziativa data l’importanza della questione economica nel nostro paese.

Noi cittadini italiani occuperemo piazza affari, in contemporanea a Wall Street e alle principali borse europee.
Vogliamo protestare contro il signoraggio, che ha ridotto le nostre democrazie in dittature economiche, che ci hanno resi schiavi di un sistema, in cui l’etica e la morale, non hanno più importanza. Continua a leggere questo articolo →