Stai visitando l'archivio per elezioni regionali lazio 2010.

La malattia e’ grave, il corpo debilitato, ma gli anticorpi… resistono e crescono

4 aprile 2010 in Articoli, Parliamone insieme, Politica

di Monia Benini, Presidente “Per il Bene Comune“.

Monia BeniniNell’astensione c’è una base fisiologica, composta da persone amorfe, senza autostima e non consapevoli dei propri diritti, ma c’è anche, da anni, chi ha deciso di non collaborare con un sistema sociale ed economico, ingiusto e gestito dalla grande finanza, che usa la cerimonia elettorale per legittimarsi e tutelarsi (utilizzando le leve della paura e della persuasione, con i richiami al “voto utile” o al voto “contro”)
Questa seconda componente è molto interessante, per noi che siamo tenuti fuori da un sistema elettorale mafioso e incostituzionale (qui in Italia serve la firma di migliaia di persone che dichiarino di sostenerti prima di arrivare al giudizio degli elettori, alla faccia del voto “segreto e libero” fissato dalla Costituzione) e non è mai stata tanto numerosa, +8% rispetto alle ultime regionali.

Studi più approfonditi sarebbero utilissimi, ma comparando i dati del 1980 con quelli attuali, emerge un differenziale di un +24% di persone che rinunciano al diritto di voto (Emilia +26, Campania +22).
E’ però un dato che non va preso nella sua interezza, depurandolo di due fattori non “consapevolmente politici” che vi hanno concorso: il crescente contributo televisivo (particolarmente talk show, soap opera e grandi fratelli) e la grande diffusione delle droghe pesanti. Continua a leggere questo articolo →

I nostri sogni non entrano nelle loro urne

31 marzo 2010 in Politica

Happy Rose Rainbow Wet - by ~HappyRosesQueste ultime elezioni regionali hanno avuto un unico grande vincitore, l’astensionismo.

Nel Lazio più del 39% degli aventi diritto, ha deciso di non andare a votare.
Sono 1.846.686 di persone, cittadini, che non si sono riconosciute nelle “due” candidate e i vecchi carrozzoni che si portano dietro. Questo è quello che gli è stato presentato dai media; avessero saputo dell’esistenza di una terza possibilità, l’unica vera alternativa vicina ai cittadini perchè fatta dai cittadini, noi pensiamo le cose sarebbero andate diversamente. Di questo abbiamo avuto e continuiamo ad avere conferma.
All’inizio eravamo in 100, adesso siamo 15000.

Molti altri si sono fatti convincere dalla propaganda del “non voto!
Su un muro di Roma era scritto “i nostri sogni non entrano nelle loro urne“, noi pensiamo che i nostri sogni non si realizzeranno se la solita politica del malaffare, delle lobby, dei favori clientelari, delle cricche, continuerà ad ammaliare con la sua presenza le istituzioni e il popolo italiano.
Il non voto è rinunciare alla propria parola, oltre che al proprio diritto.

Noi RETE DEI CITTADINI, ci siamo anche per voi e ci stiamo muovendo per arrivare ad ognuno di voi.

Il trillo

30 marzo 2010 in Articoli, Parliamone insieme, Politica, Scelti per voi

di Gianluca Palmara (candidato Consigliere RdC)

svegliaOltre 14.000 persone hanno scelto di votare contro la casta, probabilmente il 100% di coloro con cui abbiamo avuto modo di spiegare chi siamo e cos’è la Rete dei Cittadini. Altri purtroppo hanno deciso di non votare, schifati ma ignari dell’alternativa. Tantissimi sinceri cittadini convinti di votare per il cambiamento sono caduti nella trappola della CASTA. Una trappola fatta di disinformazione, omissioni, furberie, irregolarità e tanto, tanto lavaggio del cervello.
È questa trappola che ci hanno preparato che li ha smascherati, perché costruita da entrambi gli schieramenti per escludere i cittadini che avevano preso coscienza della loro condizione di sudditi dalla gestione della cosa pubblica, che ritengono invece essere “cosa loro”. Quando in ballo c’è la Conservazione e la Riproduzione del Potere, NON esistono schieramenti e resto stupito quando un dormiente, ovvero un suddito non ancora consapevole della propria condizione, ci dice “perché non avete appoggiato Tizio?”.
Vi giro la domanda: pensate veramente che da domani Continua a leggere questo articolo →

COME SI VOTA E COME VOTARE RETE DEI CITTADINI

28 marzo 2010 in Marzia Marzoli, Votazioni

Per votare bisogna mettere la croce sul nome della Presidente (nel nostro caso MARZIA MARZOLI) e sul simbolo della lista. Per le provincie di Roma, Viterbo e Latina eventualmente indicare il nome del candidato consigliere sulla riga accanto al simbolo della lista (ad es. Pino Strano).

Per conoscere meglio i nostri candidati clicca qui.

Il voto disgiunto: è possibile barrare il nome di un candidato Presidente (es.Marzia Marzoli) ed il simbolo di una lista che supporta un altro presidente (e. Lista Vota Antonio) eventualmente indicando anche la preferenza nominale, in questo modo il voto va a Marzia Marzoli come Presidente della regione, ma va anche al partito appertenente all’altra coalizione (Lista Vota Antonio). In questo modo però il voto non va alla Rete dei Cittadini.

Questo è il fac-simile della scheda elettorale per le provincie di Viterbo, Roma e Latina. Se vuoi scaricare il pdf clicca regionali facsimile2

come votare

Scheda_Sergio

I 3 programmi a confronto – IESTV

Scoperta la tipografia dei manifesti illegali inneggianti “a Marzia comunista”. Chi li ha ordinati? La magistratura indaghi.. e in fretta..

26 marzo 2010 in Chi siamo, Marzia Marzoli, Politica

DAVID CONTRO GOLIAflorenceCN3680

Dal blog di Pino Strano, candidato consigliere

Da quando sono comparsi i manifesti inneggianti a Marzia “vera comunista”, ci chiediamo chi li abbia messi e dove sono stati stampati.
Il perché, invece, ci è stato subito chiaro.
Servono a screditare Marzia e La Rete dei Cittadini agli occhi delle persone a cui noi invece diciamo quello che siamo: Nè destra, nè sinistra nè centro. Siamo contro la casta e per cittadini senza ideologie. E il messaggio arriva. Continua a leggere questo articolo →

Questo sito utilizza cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque elemento acconsenti ad utilizzare dei cookie. Maggiori informazioni | Chiudi