LE ORECCHIE E I TAPPI DELL’INDIFFERENZA

LE ORECCHIE E I TAPPI DELL'INDIFFERENZA

Non voglio parlare di iperboli o voli pindarici, e nemmeno di sesso degli angeli, come è nell’uso dei nostrani maghi della politica, l’argomento è nostra sciatta città, Latina, che in quanto a vivibilità è agli ultimi posti in Italia.

Marciapiedi sconnessi, voragini che improvvisamente si aprono nella strada, tombini pericolanti, indisciplina e triple file in centro, stradine ex poderali da terzo mondo dopo che i residenti hanno pagato decine di migliaia di euro di oneri di urbanizzazione.

Preoccupante recrudescenza delle criminalità negli ultimi 10 anni, e notevole aumento dei piccoli crimini che suscitano allarme sociale.

Giovani senza lavoro e che magari cercano scorciatoie che non sono altro che ignobili prese in giro, imprese artigiane e agricole decotte o in via di decozione, politici sempre in cerca di nuove alleanze, o che creano circoli esclusivi,  al solo ed unico scopo di creare serbatoi di voti da sfruttare in campagne elettorali.

Viaggetti a Lourdes, cene (pagate dai commensali) con giovani ”promesse” della politica italiana, ex enfant prodige della politica nonché consiglieri regionali che si vedono fare capolino da qualche auto blu con tanto di autista, e consigliere che nelle foto sembrano di 30 anni più giovani (miracoli dei filler o del lifting’?).

La vita di coloro che vivono di politica è totalmente incoerente e avulsa dalla realtà!!

E il povero Cittadino elettore? Ostaggio di costoro!!!!! Perché signori Cittadini non c’è peggior sordo di quello che ha le orecchie chiuse  da tappi di cera, i tappi della vostra impassibilità verso chi vi sta uccidendo lentamente.

Provate almeno ad incazzarvi verso i vostri carnefici, e non siate loro complici.

Share

Discussione (0)

Non ci sono ancora commenti per questo documento.

L'invio dei commenti è stato disabilitato per questo documento.