Assemblea Lazio 3 gennaio 2013

Assemblea Lazio 3 gennaio 2013

Stai vedendo una versione intitolata "Assemblea Lazio 3 gennaio 2013", salvata il 5 gennaio 2013 in 04:55 da pinostrano
Titolo
Assemblea Lazio 3 gennaio 2013
Contenuto
Verbale Assemblea RETE DEI CITTADINI del 03/01/2013 O.d.G. - scadenzario attività per le Elezioni Lazio 2013 - raccolta firme (situazione attuale e cose da fare) - raccolta fondi (situazione attuale, necessità e cose da fare) - strumenti di lavoro (accessi web, fax, ecc) - impegno dei candidati (modulistica e documenti) - rimborsi elettorali - posizione RETE DEI CITTADINI Lazio nei confronti delle nazionali - programma - situazione gruppi di lavoro La segreteria introduce ricordando ai nuovi le regole di base. La prima è che la stssa segreteria iniziale può essere messa in discussione in qualsiasi momento con una richiesta a valore di mozione d'ordine (che si discute quindi immediatamente). La seconda che ciascuno dei partecipanti ha ricevuto 5 bigliettini  "Simet" (Simbolo di Equivalenza Temporale) ognuno dei quali rappresentano la sovranità su 2 minuti di assemblea. I bigliettini si possono usare richiedendolo alla segreteria, per parlare e fare proposte. Le interruzioni del parlante sono possibili richidendole alzando la mano. Le interruzioni sono accettate o meno dal parlante e sonoa suo carico. I bigliettini sono cedibili ad altro partecipante a discrezione del suo sovrano possessore. Le richieste di intervento si fano alla segrteria e sullo schermo viene proiettato il feedback dei tempi di intervento e l'elenco degli iscritti a parlare. Invita i nuovi a usare una parte dle loro tempo per presentarsi, se lo vogliono. Infine ricorda a tutti di usare massima tolleranza verso il pensiero altrui e che il tempo sovrano può essere anch eusato al limite per stare tutti in silenzio se il sovrano di quel tempo lo richiede e di manifestare consenso e dissenso durante gli interventi , s elo si vuole, preferibilmente alla maniera degli indignados. La segreteria legge l'odg iniziale e richiede se vi sono altri punti da mettere in discussione. E poi si procederà alla valutazione del loro ordine di discussione. Viene porposto di  discutere anche di come potrebbero essere utilizzati eventuali fondi derivanti dagli introiti degli eletti e dal rimborso elettorale. Viene quindi aggiunto all'elenco il punto: -Disussione sui fondi candidati e rimborsi. Marina Petrini (Progetto Italia): accogliendo l'invito della segreteria, e presenta se stessa e il Progetto Italia che si presenterà alle prossime nazionali e propone di unire le forze, anche per le regionali, dove non si presenteranno. E' venuta per conoscerci e farsi conoscere e verificare se è possibile un qualche accordo. Antonio Ferraro (Rieti): Si è avvicinato alla RETE con curiosità, si è poi candidato con la RETE spinto dalle richieste di alcuni membri di Rieti libera [ndr: non ricordo il nome esatto], si è dimesso dalla carica di segretario regionale di CittadinanzaAttiva. Crede da sempre negli ideali della democrazia diretta e partecipata. Ritiene necessaria l'unione di mlte forze che sono sparse, così ha anche partecipato alle rounioni del progetto Cambiare si può. Sottolinea l'esigenza di unire le forze con loro, soprattuto in relazione al fatto che al suo interno ci sono forze anche molto vicine a noi e che molti punti del programma sono comuni. Laura Raduta: illustra e sottolinea l'importanza della raccolta firme senza le quali il progetto elettorale sarà vanificato. Sollecita comunicazione aggiornamento quantità firme raccolte entro il 7 gennaio inviando una mail a Tommaso e Laura. Bisogna andare anche per strada per facilitare la campagna elettorale. I candidati devono consegnare la documentazione a Laura. Casimiro Corsi: prepara comunicato stampa sulla raccolta firme. Ernesto Melappioni: programmare i banchetti in punti strategici di Roma Loretta Spaccatrosi: evidenzia difficoltà nel chiedere banchetti Enrico Bianchi: come organizzare e sostenere i costi per la raccolta firme nei banchetti Tommaso Orazi: spiega come coinvolgere l'autenticatore per i banchetti e come recuperare i costi Pino Strano: Non possiamo contare sui banchetti, dove si riesce a raccogliere al massimo 80-100 firme, ma puntare su degli autenticatori che ci aiutino. Sergio Mazzanti: Ernesto Melappioni: chiede delucidazioni sugli orari di apertura uffici. Laura Raduta: risponde a Ernesto Pino Strano: propone di anticipare discussione su "gruppi lavoro". Inoltre ritiene opportuno spiegare meglio, specialmente ai più nuovi, come usare gli strumenti della RETE DEI CITTADINI. Alessandro Capobianchi: organizzare incontri nei vari comuni per invitare le associazioni e i cittadini ad impegnarsi direttamente ed a sottoscrivere la lista. Condividere meglio le attività dei gruppi lavoro. Ernesto Melappioni: occorre dare un messaggio sintetico e chiaro attraverso un programma deciso sul cambiamento del sistema attuale (sovranità monetaria, democrazia diretta, modalità assemblea, ecc ) Alessandro Capobianchi: chiede delucidazioni al MID sulle potenzialità per presentarsi alle elezioni nazionali. Marina Petrini: risponde sulla disponibilità di uno scadenzario ben definito. Carlo Pezzotti: evidenzia necessità autorizzazione per fare i banchetti Laura Raduta: risponde a Carlo (sono sufficienti 4 giorni prima del banchetto David Rorro: propone banchetti per i giorni 6 gennaio il 13 gennaio in località da definire ed il 20 gennaio al Fusolab 2.0 dove chiede partecipazione di tutti. Ernesto Melappioni: propone volantinaggio a Frascati fuori il comune di Frascati Enrico Bianchi: chiede materiale di propaganda per fare volantinaggio a Viterbo. Sollecita un documento per presentare il programma. Pino Strano: chiede trasferimento "forza lavoro" nelle zone necessarie. Propone "iniziative particolari (tipo comizi)" alternative ai classici banchetti. Alessandro Capobianchi: sta organizzando intervento su radio nazionale per trasmettere un programma raccolta firme con interventi telefonici dei candidati. - Dopo una' breve' pausa i lavori riprendono. La segreteria ricorda che nella prima parte si è lavorato trattando praticamente un po tutti gli ordini del giorno. In parte per responsabilità della stessa che non ha provveduto a far votare per definire l'ordine preferito. Pino Strano: riporta in assemblea la proposta del MID sul sostegno e alleanze elettorali avendo nella pausa discusso con Petrini dei possibili rispettivi punti irrinunciabili. Sottolinea come la condivisione delle informazioni anche in via non ufficiale sia necessaria per contrastare l'effeto di potere derivato dalla conoscenza di informazioni "privilegiate". Loretta Spaccatrosi: l'alleanza potrebbe potenziare la raccolta firme Giorgio Tempesti: favorevole a collaborazioni Orazio Fergnani: afferma che è vitale per lui conoscere la versione definitiva del programma prima di fare quasiasi altro passo. Casimiro Corsi: il gruppo lavoro "ufficio stampa" non è partito. Ernesto Melappioni: che il programma non è ancora giunto alla sua veste definitiva Pino Strano ricorda che il programma sostanzialmente c'è, ma che appunto è Il GDL "Programma" che deve spingere per concludere i suoi lavori, Ricorda che il responsabile è proprio Ernesto e  quindi richieda con forza ai membri del gruppo di riunirisi e svolgere i propri conpiti oppure che il responsabile sia sostituito. Ernesto Melappioni:assicura un rapido cambiamento di rotta al "permissivismo" e invita i membri , compreso Pino Strano, a una riunione anticipata per l'indomani, che viene confermata. Fergnani  dichiara che avevdo già fatto la propria parte con Melappioni delega il compito di riportare i risultati a Melappioni. Antonio Ferraro, richiede una discussione e decisione formale sulla possibilità di alleanza con la Lista Rivoluzione civile di Ingroia nella quale sembra confluita cambiare si può. Orazio Fergnani: ribadisce l'importanza della versione definitiva del programma e che vorrebe anche sapere come si è arrivati alla inziativa di partecipare alle elezioni nazionali. La segreteria raccoglie le due rchieste formalizzandole e chiede a Ferraro se è d'accordo a discutere prima della partecipazione alale nazionali che logicamente viene prima della discussione sulle possibili alleanze. Ferraro concorda e si procede con la discussione   David Rorro: non c'era bisogno di chiedere un'approvazione della partecipazione della RETE DEI CITTADINI alle nazionali Sergio Mazzanti: le liste RETE DEI CITTADINI fanno parte degli scopi dell'associazione. Orazio Fergnani: c'è stato un comportamento non abbastanza chiaro nella proposta della lista nazionale e pertanto richiede comunque formalmente una discssione e votazione sulla partecipazione alle elezioni nazionali
Riassunto


Vecchio Nuovo Data creazione Autore Azioni
5 gennaio 2013 in 14:37 Gianluca B
5 gennaio 2013 in 06:15 Gianluca B
5 gennaio 2013 in 06:15 pinostrano
5 gennaio 2013 in 06:10 pinostrano
5 gennaio 2013 in 06:10 pinostrano
5 gennaio 2013 in 04:52 pinostrano
5 gennaio 2013 in 04:52 pinostrano
5 gennaio 2013 in 03:55 pinostrano
5 gennaio 2013 in 03:55 pinostrano
3 gennaio 2013 in 23:26 pinostrano
3 gennaio 2013 in 23:26 tommaso
3 gennaio 2013 in 23:12 tommaso
3 gennaio 2013 in 23:12 tommaso
3 gennaio 2013 in 23:03 tommaso
3 gennaio 2013 in 23:03 tommaso
3 gennaio 2013 in 21:42 tommaso
3 gennaio 2013 in 21:42 tommaso
3 gennaio 2013 in 21:33 tommaso
3 gennaio 2013 in 21:33 tommaso
3 gennaio 2013 in 21:25 tommaso
3 gennaio 2013 in 21:25 tommaso
3 gennaio 2013 in 21:23 tommaso
3 gennaio 2013 in 21:23 tommaso
3 gennaio 2013 in 21:21 tommaso
3 gennaio 2013 in 21:21 tommaso
3 gennaio 2013 in 21:17 tommaso
3 gennaio 2013 in 21:17 tommaso
3 gennaio 2013 in 21:16 tommaso
3 gennaio 2013 in 21:16 tommaso
3 gennaio 2013 in 21:05 tommaso
3 gennaio 2013 in 21:05 sergio
3 gennaio 2013 in 21:03 sergio
3 gennaio 2013 in 21:03 tommaso
3 gennaio 2013 in 20:55 tommaso
3 gennaio 2013 in 20:55 tommaso
3 gennaio 2013 in 20:46 tommaso
3 gennaio 2013 in 20:46 sergio
3 gennaio 2013 in 20:37 sergio
3 gennaio 2013 in 20:37 sergio
3 gennaio 2013 in 20:36 sergio
3 gennaio 2013 in 20:36 sergio
3 gennaio 2013 in 11:50 sergio
3 gennaio 2013 in 11:50 tommaso
1 gennaio 2013 in 18:58 tommaso
1 gennaio 2013 in 18:58 sergio