BOLLETTINO N.7 NAZIONALE – Comunicazioni organizzative, censimento e altro.

28 aprile 2015 in Bollettini

COMUNICAZIONI ORGANIZZATIVE, CENSIMENTO E ALTRO

(inviato martedi 28 aprile 2015 ore 14:40)

PREAMBOLO:

Il segretario Ernesto Melappioni comunica e rende noto che l’associazione Rdc si trova in una situazione di emergenza organizzativa sviluppatasi da una degenerazione partita dalla fine delle elezioni 2013 e scaturita come sintomo cronico con le dimissioni dell’ex Segretario Massimiliano Ciervo.

Si ricorda che l’ex Segretario è stato sollecitato a presentare le dimissioni ufficiali dopo che alcuni iscritti avevano constato che nel web il Ciervo – pur essendo segretario di Rdc -promuoveva il logo di un’altra formazione politica dimostrando di farne parte.

Si ricorda che è stato istituito un Gdl di Emergenza per arginare questa situazione degenerativa e si ricorda che l’ex Presidente Pino Strano aveva più volte lamentato pubblicamente di dimettersi. Si informa inoltre sulla precaria disponibilità temporale della carica di tesoriere ricoperta da Sergio Mazzanti per motivi di lavoro.

Oggi ci ritroviamo in una condizione di stallo non prevista ne dallo Statuto ne dal Regolamento: Rdc si ritrova senza un presidente (quindi un rappresentate legale), senza un organizzazione valida  e con diversi attivisti che stanno operando sul territorio con le spalle scoperte.

Le dimissioni del presidente sono state inviate ufficialmente alla mail di Rdc, confermate dal Tesoriere Sergio Mazzanti e ratificate sul bollettino n.6.

Purtroppo sia lo Statuto che il Regolamento generale non prevedono nessun ritiro delle dimissioni una volta emesse e ratificate.

Pertanto è attivata la procedura di una nuova elezione da farsi con apposita assemblea nazionale.

Si ricorda che allo stato attuale il segretario è impossibilitato a svolgere a pieno le sue mansioni comunicative in quanto non ha a disposizione le chiavi di accesso alla mail ufficiale di Rdc ne quelle del sito per accogliere le lamentele di alcuni iscritti operativi che non riescono a fare login nel nostro principale strumento comunicativo e anche per aggiornare le pagine informative.

Purtroppo, dopo un attenta analisi, ed investito dalla responsabilità che occupo in questo frangente di emergenza chiedo a tutti la massima collaborazione.

Per inizializzare le procedure di un assemblea nazionale con tutti i crismi la segreteria deve essere certa che le comunicazioni siano funzionanti ed efficienti e deve avere una panoramica chiara sulla posizione degli iscritti secondo Statuto: regolarità amministrativa e ruolo ricoperto.

Ricordo pertanto le finalità fondati dell’associazione Rdc descritte nell’articolo 3 che di seguito riporto:

———————————————————————————
Articolo 3) – Finalità

RETE DEI CITTADINI (RdC) è una federazione di associazioni, comitati, liste civiche e gruppi, formali e informali, di singoli cittadini, accomunati dai principi espressi nel Manifesto e dalla volontà di appropriarsi della sovranità popolare per migliorare la qualità della vita di tutti i cittadini. RdC è un’associazione nazionale su base federativa che opera a livello locale promuovendo Circoli Territoriali (CT).
RdC propone progetti ed iniziative confrontandosi con istituzioni locali, associazioni, gruppi ad essa affini e cittadini, cerca di sviluppare la consapevolezza e l’autoformazione dei cittadini, iscritti e non iscritti, sostiene ove sia possibile le campagne promosse da altre realtà, offre supporto e logistica in un’ottica di coordinamento e integrazione fra gruppi e associazioni.
RdC ha per scopo primario e statutario quello di “mettere in rete”, ovvero riunire e coordinare, gruppi e singoli che si riconoscano in essa, nei sui valori, nel percorso intrapreso, nel confronto come metodo politico.
RdC si propone di sviluppare temi che non trovano spazio sui media ufficiali, divenendo strumento di corretta informazione e veicolo di buone pratiche già sperimentate o da sperimentare, che mirano ad una piena sovranità politica ed economica.
Per raggiungere gli scopi statutari RdC può partecipare direttamente alle competizioni elettorali e/o sostenere la presentazione di liste civiche che rispettino i valori fondanti e il Manifesto di RdC. Le modalità di partecipazione alle elezioni sono descritte nella Sezione Elettorale.

—————————————————————————

Ricordo inoltre l’articolo 4 inerente all’organizzazione territoriale.

———————————————————————————

Articolo 4) – Organizzazione territoriale

L’organizzazione di RdC si articola su 3 livelli di coordinamento:

1) Circoli Territoriali (CT);
2) Reti Regionali (RR);
3) Associazione Nazionale.

RdC promuove la creazione di Circoli Territoriali come luoghi di incontro fra cittadini, iscritti e simpatizzanti, di diversi gruppi e associazioni per discutere e agire nel locale secondo i principi del Manifesto. Ogni CT per essere riconosciuto come tale deve avere un minimo di iscritti a RdC stabilito dal Regolamento Generale. Tra gli iscritti al CT dovrà essere eletto un Coordinatore Locale. Ogni CT partecipa con un portavoce al Coordinamento Regionale. Qualora il Coordinatore Locale non fosse iscritto a RdC si dovrà scegliere un Portavoce tra gli iscritti a RdC del CT.
I CT godono della più ampia autonomia nel rispetto del Manifesto di RdC e possono richiedere di essere riconosciuti come sedi territoriali di RdC; in questo caso anche il Coordinatore Locale deve essere un iscritto e il CT è tenuto al rispetto anche dello Statuto, del Regolamento Generale e dei Bollettini Ufficiali.
La Rete Regionale (RR) è l’insieme dei CT, dei Gruppi Aderenti, degli iscritti e dei simpatizzanti di RdC in ciascuna regione. Ogni RR elegge un Coordinamento Regionale (CR) formato dai Portavoce dei CT e dei Gruppi Aderenti presenti nella regione con un numero minimo di iscritti a RdC stabilito dal Regolamento Generale.
I CR hanno funzione organizzativa, informativa e di raccordo tra i CT di ciascuna regione; promuovono la creazione di CT a seconda delle esigenze locali. Il CR ha il compito morale e istituzionale di tradurre in proposte organiche le esigenze degli iscritti e dei GA e di organizzarla e gestirla dal punto di vista amministrativo e burocratico. Il CR nomina un suo Portavoce. I requisiti minimi per la costituzione di una RR devono essere indicati nel Regolamento Generale. Ogni RR può approvare un Regolamento Locale per organizzare alcuni aspetti della vita associativa, dei CT e delle votazioni in ambito regionale.

—————————————————————————

OPERAZIONE CENSIMENTO

Per queste ragioni la segreteria, investita dall’emergenza in essere, è obbligata a richiedere un rapido censimento degli iscritti che dovranno fornire queste informazioni.

1) Nome, Cognome, Indirizzo, telefono cellulare, email

2) Eventuale regolarizzazione della quota annuale o promessa di pagamento da effettuarsi alla prossima assemblea nazionale.

3) Collocazione territoriale secondo articolo 4 dello Statuto.

4) Genere di operatività politica attualmente ricoperta.

5) Genere di disponibilità operativa da mettere al servizio di Rdc per l’avanzamento delle sue mansioni.

6) Se il collegamento al sito è funzionante o assente e necessita di intervento tecnico.

La segreteria invita tutti gli iscritti a inviare queste informazioni scritte sia alla mail principale di Rdc: info@retedeicittadini.net Sia direttamente al segretario tramite sms al 392 0585419 per sopperire alle attuali mancanze tecniche.

Il censimento partirà con la pubblicazione del presente bollettino e durerà 15 gg a partire dalla data di ricezione delle chiavi di accesso alla mail e al sito (di cui si sta occupando il Tesoriere Sergio Mazzanti) che saranno utili al Segretario per accertare che l’informazione del censimento sia giunta a più contatti possibili.

————————————————————————-

AVVISI:

PRIMO AVVISO

Si ricorda che il sito di Rdc ed il bollettino sono attualmente l’unico organo informativo ufficiale pertanto si necessita da parte di tutti il suo pieno utilizzo nei limiti delle possibilità tecniche.

Chi volesse comunicare informazioni ed è impossibilitato per ragioni tecniche a farlo può inviare un sms al 392 0585419 e la segreteria provvederà a renderle pubbliche attraverso il bollettino specifico.

SECONDO AVVISO:

Si avvisa i responsabili dell’Assemblea Regionale Lazio tenutasi domenica 26 aprile 2015 dalle ore 16:00 alle ore 20:00 presso i locali del fusolab 2.0 di mettere a disposizione della segreteria tutte le informazioni inerenti all’attività svolta tramite apposito verbale con la piena descrizione delle attività, dei ruoli ricoperti, degli argomenti trattati, degli interventi e delle eventuali votazioni, al fine di facilitare la consueta post discussione online di tre giorni.

Si avvisano i partecipanti dell’Assemblea Lazio che i tre giorni di tempo utile per la discussione on-line partiranno solo dopo l’effettiva pubblicazione sul bollettino ufficiale.

TERZO AVVISO

Sono accolte le richieste dell’iscritto Tommaso Orazi sulla formulazione di un coretto sondaggio e per questo motivo la segreteria ha richiesto un censimento per avere una panoramica chiara della situazione al fine di lanciare un sondaggio con tutti i crismi di trasparenza e sicurezza in rispetto di tutti gli iscritti anche di quelli dispersi. Nella fase di sondaggio saranno anche elencati i punti dell’ordine del giorno già accolti inerenti alla chiusura gestionale passata e varie e tutti quelli eventualmente emergeranno.

QUARTO AVVISO

In assenza di una chiara e più coordinata partecipazione operativa sul livello nazionale si comunica che la redazione partecipata del bollettino riguardante l’aspetto nazionale è momentaneamente sospesa fino alla prossima assemblea nazionale per dar spazio alle priorità del caso al fine di raggiungere una più rapida riattivazione organizzativa.

In questo arco di tempo gli iscritti possono comunque promuovere il loro pensiero, le loro idee e quant’altro per migliorare l’attuale condizione nei commenti di ogni Bollettino Nazionale. Salvaguardando in questo modo il dialogo e la cooperazione.

Per quanto concerne le comunicazioni ufficiali sul bollettino di livello inferiore: Circoli Territoriali e Rete Regionali le redazioni continueranno ad essere partecipate ma dovranno portare la specifica di appartenenza a lettere maiuscole pur seguendo la stessa numerazione di protocollo. L’oggetto del bollettino dovrà essere scritto normalmente tipo:

BOLLETTINO N. (X) (TIPOLOGIA TERRITORIALE) – (Oggetto del bollettino)

esempi compilati:

BOLLETTINO N. 7 NAZIONALE – Convocazione assemblea nazionale

BOLLETTINO N.8 CT LATINA – Rapporto indagine acqua

BOLLETTINO N. 9 RR LAZIO – Presentazione ricorso al tar.

Queste saranno le regole provvisorie fino alla prossima assemblea nazionale che serviranno ad ordinare la comunicazione e a favorire gli iscritti operativi che perseguono gli scopi sociali di Rdc e ai quali in questo momento è rivolta la massima attenzione della segreteria visto che sono gli unici anelli di congiunzione con il territorio.

Purtroppo e a malincuore sono costretto a comunicare la realtà della nostra situazione e a chiedervi cooperazione sulle naturali priorità che si creano in circostanze simili, in attesa di scoprire insieme le cause originali di questa crisi per farne tesoro affinché si possano evitare situazioni similari nel futuro.

Vi ricordo inoltre che è responsabilità delle cariche sociali attive ripristinare il livello organizzativo nazionale.

Grazie a tutti per l’attenzione.

Il Segretario Ernesto Melappioni.

Share Button

2 risposte a BOLLETTINO N.7 NAZIONALE – Comunicazioni organizzative, censimento e altro.

  1. RENDO NOTO:
    Vengo informato dal tesoriere Sergio Mazzanti nella chat del gruppo di lavoro di Emergenza alla presenza degli altri iscritti facenti parte che la mail ufficiale a quanto pare è stata Hackerata… queste sono le parole del Mazzanti:

    la mail ti ho spiegato il problema, probabilmente c’hanno clonato la mail o qualcosa del genere.

  2. Vorrei capire in quale statuto, regolamento o altro. è scritto che il segretario possa stabilire regole o dettare procedure d’emergenza.

Lascia una risposta

Devi essere loggato per inviare un commento.