da

26 novembre per una FEDERAZIONE di MOVIMENTI

7 novembre 2011 in Politica

26 novembre 2011 a Bologna: INDIGNARSI NON BASTA
Assemblea Costituente della FEDERAZIONE DEI MOVIMENTI
( dettagli su evento facebook )

—————
L’invito di Claudio Mazzoccoli, FEDERAZIONE DEI MOVIMENTI

Abbiamo due possibilità:

1) Lasciare andare avanti i Partiti (facciano loro… )

2) Iniziare a COSTRUIRE una ALTERNATIVA, o almeno un MOVIMENTO DI PRESSIONE che NASCA COME SFORZO DI TUTTI I MOVIMENTI che si sentono in grado di dare vita ad una operazione CULTURALE e POLITICA di RILIEVO NAZIONALE, DEMOCRATICA, COMPETENTE e PARTECIPATA..
_______________________________________
E’ un dato di fatto che, al di là delle proteste, della piazza e della indignazione, la RICOSTRUZIONE del PAESE può essere assimilata ad un’opera di INGEGNERIA APPLICATA ALLA POLITICA, e come tale andrebbe affrontata, con rispetto delle PRASSI e dei CONTROLLI necessari a tale operazione.

Il lavoro per fare una cosa del genere è IMMENSO, anche se SEMPLICE nelle sue linee guida, per chi è abituato a fare ANALISI e PROGETTAZIONE, dal momento che occorre costruire una mappa che, partendo dall’alto (VISIONE GLOBALE), si dirami attraverso le componenti che costituiscono l’ossatura dello Stato, dettagliando sempre piu’ a fondo le cose. Occorre mettere a punto qundi UNA SQUADRA DI COORDINAMENTO NAZIONALE CHE, analizzata la struttura generale, si riunisca in SPECIFICHE COMMISSIONI che, affrontando i diversi arogmenti (con numeri, cifre e trend) metta a nudo la situazione, nei suoi aspetti positivi e negativi, tracciando un quadro il più possibile coerente della situazione.
———————————————————-
Esattamente quella che fu la struttura della Assemblea Costituente, che fa da guida a tutti i processi di rinascita culturale e politica. Penso che tutti possiamo concordare sul fatto che, per fare RINASCERE il PAESE, occorre una azione coordinata di un COMITATO DI LIBERAZIONE NAZIONALE che METTA MANO AD UNA RIFORMA GENERALE DELLO STATO SU BASE COSTITUZIONALE, quindi ATTUANDO LA COSTITUZIONE NELLE PARTI ANCORA INATTUATE e SEMPLIFICANDO TUTTO QUELLO CHE SI PUO’, RICONDUCENDO IL SISTEMA-PAESE all’ALVEO NATURALE, quello della Costituzione. E questo, si badi bene, è una operazione che va INIZIATA ORA.
———————————————————
Se non si fa questo, manca la base RAZIONALE per qualsivoglia ragionamento e, per assurdo, qualunque soluzione potrebbe essere la migliore.
———————————————————
La ragione per la quale mi batto per una FEDERAZIONE di MOVIMENTI non è quindi per creare una forza politico-ELETTORALE, ma soprattutto per Costruire un SENTIRE COMUNE che sappia dare CORPO alle PROTESTE e PRODURRE UN DISEGNO ORGANICO.

Ad un progetto del genere sono disposto a mettere a disposizone la mia competenza e le mie caratteristiche.

————-
L’editoriale di Claudio Mazzoccoli, FEDERAZIONE DEI MOVIMENTI
Caro Bersani, vogliamo insieme cercare di fare uno sforzo in più dicendo qualcosa di “sinistra” ?

Share Button

4 risposte a 26 novembre per una FEDERAZIONE di MOVIMENTI

  1. …. l’intwnto è buono , ma mancano tutti i presupposti.
    1) qui si chiede di formare un nuovo “movimento” (citazione : Iniziare a COSTRUIRE una ALTERNATIVA, o almeno un MOVIMENTO DI PRESSIONE)
    2) non si parla di anti casta
    3) si specifica che la nascita di questo nuovo movimento non è politico.culturale…. quindi ? si vuole fare un “sindacato di proteste che scenda in piazza a uffa “? non capisco proprio il senso di questo invito.
    se accettiamo tutto , allora non concluderemo niente.

  2. Caro Bersani, vogliamo insieme cercare di fare uno sforzo in più dicendo qualcosa di “sinistra” ?

    per me questo basta per dire: NON PERDIAMO TEMPO!
    chi ancora ha tempo solo per interogare bersani o simil politicanti sanguisuga non può destare il mio interesse. abbiamo bisogno di svegliarci!! sinistra?? ma di che si parla? di dove è il bagno?

    • Perfettamente d’accordo, Bersani e Berluscao sanguisughe e finti contrapposti, per me pari sono, anzi di che stiamo parlando, destra sinistra centro? Sono tutti uniti per i costi della casta o della nuova aristocrazia, pensionati dopo un giorno di mandato parlamentare, responsabili della situazione di crisi economica, ideale, politica in cui versa il nostro Paese. I comitati di base, le associazioni, i residenti delle nostre città, uniti in una grande rete di base, senza i partiti, per azzerare questa classe politica, tutta e tutti, l’elenco è lungo: mettiamo al loro posto volti nuovi, gente legata al territorio, aria pulita. Creare subito liste per le elezioni sul territorio, un nuovo appello ai veri liberi e forti, non quelli riciclati nel libro di Sacconi, uomini e donne veramente liberi da questi partiti di corrtoti e venduti, non perdiamo tempo con gli appelli a Bersani o agli altri politicanti farneticanti, torniamo a fare la bella, unica, vera politica sul territorio e sulle cose concrete. Basta con questa vecchia politica, damose da fà, una rete di movimenti, comitati di quartiere, di associazioni di base liberi, Signore, finalmente liberi!! Paolo Pozzi

  3. Claudio ha costruito una base teroretica di fondamentale importanza, essa rappresenta la base di partenza per operare al fine di riportare una cosa molto semplice nella nostra politica, l’onestà ! Siccome le idee sono buone e raccolgono del consenso, sicuramente s’infiltreranno i soliti maneggioni della politica che adesso dopo il colpo ricevuto da Berlusconi sperano d’aggregarsi in cerca di un posto al sole. Era da prevederlo e sono state approntate delle difese in vista di ciò. Credo che lo sviluppo di queste idee non debbono mirare esclusivamente a “vincere domani”. Si tratta di nuova base culturale che necessita di diffusione, di un opera d’evangelizzazione delle masse. Dunque l’obbiettivo non è mirato (almeno per me) esclusivamente alla creazione di un movimento carrozzone, ma alla diffusione di queste idee, atte a chiarire cosa è stata la politica sino adesso e cosa sarà ancora. Si tratta di una battaglia democratica che come quelle passate sappiamo bene che travalicano l’ambito di una generazione. Quindi chi spera in un tutto e subito non si faccia illusioni.

Lascia una risposta

Devi essere loggato per inviare un commento.