Il PD di Tarquinia come i Bravi di Don Rodrigo!

28 ottobre 2011 in Appelli, Comunicati Stampa

Marzia Marzoli: Il PD locale minaccia come i Bravi di Don Rodrigo!

Se il buon giorno si vede dal mattino, se lo stile ed i toni della prossima campagna elettorale saranno questi, chi si metterà in competizione elettorale dovrà temere le manganellate del clan che si cela dietro i comunicati del PD.

Non è molto Democratico prendersi, con arroganza, lo spazio dedicato all’informazione, rosicchiare il polpaccio, come fanno i mastini della politica, solo perché qualcuno potrebbe presentarsi alle prossime elezioni comunali.

La sanità è un problema che tocca la nostra comunità. Non è una vostra esclusiva. Non si può togliere al cittadino anche la possibilità di difendere un suo diritto!

Se la Regione Lazio deciderà di cancellare il punto nascita, è un problema reale, un interesse legittimo, non un punto a favore nel pallottoliere del partito.

È solo vostro l’imbarazzo di spiegare perché oggi la signora Bonino, che avete proposto come Governatrice ma che poi, dopo la sconfitta, ha preferito mantenere la poltrona più comoda al Senato, non è in Regione a ricordare alla Polverini tutte le promesse non mantenute.

E poi quale paura di questa lista civica!

Sono anni che ci occupiamo di politica, quella scomoda, che si preoccupiamo di tutelare i diritti della comunità, al contrario di chi li sta svendendo per tutelare gli interessi di pochi.

Stare dalla parte del cittadino non fa guadagnare, invece dall’altra parte, quanto?

In piazza ci siamo stati tanti anni fa e ci siamo ancora, per rivendicare i diritti sanciti dalla Costituzione, per tutelare i beni comuni dagli appetiti privatistici, per pretendere la partecipazione dei cittadini nelle scelte amministrative della comunità.

La rivendicazione di quei diritti che un giorno, ricordate, portavano in piazza anche voi. Oggi dove siete?

La battaglia per salvaguardare il territorio è sacrosanta, quindi spiegate voi alla prossima tornata elettorale, tutti i vostri si: all’autostrada, al carbone, al Pet Coke, alla Piattaforma Logistica,ai milioni di metri cubi di asfalto e cemento, colati addosso ad un’economia agricola e turistica, in cambio dell’invasione di merci Cinesi.

Nessuno vi ha mai chiesto di stravolgere l’economia del paese, ne tantomeno di svendere il territorio per poter spendere 14.500.000 in inutili programmi, che oggi, come ieri non valgono il prezzo del si al carbone.

Cominciate a spiegarlo al vostro elettorato e lasciate a loro il diritto di scegliere. Altrimenti cambiate nome, potreste fare prima.

Marzia Marzoli

Lista civica RETE DEI CITTADINI Tarquinia

Share

1 risposta a Il PD di Tarquinia come i Bravi di Don Rodrigo!

  1. Autostrada Tirrenica toscana: Rosignano – Grosseto – Capalbio,

    Parlano mentendo, di “soli” Tre miliardi di euro, ma sono minimo 4 volte di più. e in avvenire chissà, per costruire una porzione di autostrada che servirà solo al loro lucro, ossia alla SAT e le banche interessate con in testa il MPS.
    Naturalmente Rossi e company, per l’intero tratto toscano hanno ceduto come fossero loro i padroni dei terreni la bruttezza di oltre 300 chilometri quadrati.
    L’agricoltura sarà la prima vittima.

    Intanto l’Aurelia aspetta invano di essere messa a norma, come le altre strade provinciali e comunali, il ruolo dell’anas è volutamente ultrasecondario.

    La ferrovia Grosseto Siena aspetta il secondo binario.

    I punti nascita vengono chiusi.

    Partecipazione, Controllo e Proposte dei cittadini. Decidiamo noi come costruire il nostro futuro.

Lascia una risposta

Devi essere loggato per inviare un commento.