Responsabilità penale dei magistrati !

21 settembre 2010 in Appelli, Campagna sensibilizzazione, Firme

di Otello Martini, candidato Rete dei Cittadini Lazio 2010

La_MalagiustiziaIn Italia, accade che quando un Giudice commette un errore, ben difficilmente paga o subisce una reprimenda, e la stessa legge Vassalli (realizzata mistificando i risultati di un referendum) è talmente macchinosa da sconsigliare l’utilizzo. Ma i problemi non sono solo questi.

Sappiamo bene che esistono molti Magistrati onesti, purtroppo però e proprio perchè non esistono punizioni valide, alcuni Magistrati (meno corretti) possono permettersi di far pendere un piatto della bilancia, tutto da una parte, alterando palesemente e molto artatamente, tutti i diritti di un Cittadino, a vantaggio di un altro personaggio più importante, o per favorire una lobby e le più diverse camarille.

Per evitare queste dolorosissime questioni, che colpiscono e defraudano sempre il soggetto più debole, ritengo non solo utile ma NECESSARIO, che debba esistere una vera e propria punizione per questi soggetti, e che la RESPONSABILITA’ PENALE è molto importante.

Dobbiamo togliere tutte le “mele marce” dalla cassetta, altrimenti si guastano irrimediabilmente anche quelle buone! Che ne pensate?

— — — — — — — — — — — — — — — — — — — — — — —

Per iniziare invitiamo TUTTI ad aggiungere la propria firma su PetizioniOnline

Share Button

7 risposte a Responsabilità penale dei magistrati !

  1. AVVERTENZA:

    E’ IMPORTANTE, DOPO AVER FIRMATO LA PETIZIONE, ATTENDERE LA RICEZIONE (VIA E MAIL – da parte di PetizioniOnline) DI UNA NOTA DI CONFERMA, ALLA QUALE, PER CONVALIDARE LA PROPRIA FIRMA, BISOGNA RISPONDERE, CLICCANDO SUL LINK CHE VI SUGGERISCONO ! GRAZIE !!!

    Un saluto da Otello

  2. Salve e buongiorno a tutti;
    ieri sera, parlando con un amico, abbiamo maturato e condiviso alcune riflessioni.
    Entrambi crediamo molto nella Democrazia Diretta e in una più attiva partecipazione della gente, ai processi decisionali.
    Ed è per questo motivi che abbiamo concluso che:
    Ogni nostra postazione Internet, potrebbe diventare uno strumento popolare, e da temere molto, assai più del voto nella cabina elettorale; perchè utilizzando un sistema propositivo come questo della Petizione On Line, l’intera società (più consapevole del valore di questo mezzo) si proporrà, producendo un effetto dirompente e distruttivo, per gli interessi di tutti coloro che profittano impunemente e solidalmente ogni giorno del povero Cittadino !
    Internet, con tutte queste nuove applicazioni, sta diventando uno strumento di forte impatto sociale e siccome è difficile da controllare e da irreggimentare, prevedo che: con un intelligente utilizzo di questi mezzi, vi sarà un’ulteriore espansione di vera Democrazia Partecipativa!
    Abbiamo bisogno perciò, di gente che conosce per bene la lingua inglese, francese, tedesca e spagnola, per tradurre qualche n/s breve messaggio nelle lingue più utilizzate.
    (chi di voi ha un pò di tempo e può darci una mano?)
    Abbiamo bisogno di persone con buone conoscenze informatiche, per diramare su tutti i server mondiali, le Petizioni che proporremo.
    (chi fra di voi ha queste conoscenze e vuole metterle a disposizione?)
    Poi, dobbiamo dividerci in gruppi ognuno con compiti propri per poterci muovere con più spigliatezza.
    Questo perchè anche i molti italiani residenti all’estero, vedono e sentono quotidianamente, quello che viviamo nel n/s Paese.
    E molti di loro sono sensibilissimi alle questioni italiane e si attiverebbero volentieri!
    Sarebbe bello (ad es.) se riusciamo a raccontare le n/s idee al mondo intero e se avessimo la possibilità di pubblicizzare il link di questa petizione anche su qualche server U.S.A. o del Regno Unito!
    Che ne dite? ;-/

    Un saluto da Otello

  3. Io ci sto, qualsiasi cosa ne facciate, ci sto! Non ho buone conoscenze delle lingue, purtroppo solo elementarmente di inglese.
    Ma a livello intuitivo, divido due ipotesi:
    proposte legislative italiane: bene ed anche per italiani all’estero. Proposte legislative europee, idem.
    Proposte legislative o di mora internazionali, non vorrei ci sovrapponessimo a quanti già lo fanno (vedi Avaaz, che mi sembra serio, od altri). Proporrei di appoggiarsi ad uno di questi gruppi preesistenti.
    E dovremmo avere lo scopo di diventare un punto di riferimento in Italia per tutti quei gruppi che già fanno queste cose (ad es. mi è molto piaciuto il fatto che Travaglio ha fatto una proposta di legge). Potremmo diventare un braccio che raccolga le idee e le consegni (ad es a Travaglio?) a chi le possa poi proporre in maniera più efficace (per conoscenze e popolarità). Questo per cercare di essere non l’ennesimo gruppo che raccoglie i malcontenti e fa delle proposte di legge, ma il gruppo che unisce i gruppi che hanno gli stessi obiettivi

  4. VOLEVO SOLO PARLARE DELLA MALAGIUSTIZIA CHE HA DOVUTO SUBIRE MIO MARITO PER TREDICI ANNI…..PER UNA CAUSA DI LAVORO……ALLA FINE HA VINTO ( GIUSTIZIALMENTE) MA HA PERSO TUTTO….OGNI COSA….MA NON SOLO PER QUALCHE MAGISTRATO, MA PROPRIO DAL SUO AVVOCATO E’ STATO TRADITO…..E LUI NON HA POTUTO FARE NIENTE…..E MORTO NELLA MISERIA PIU’ ASSOLUTA….

  5. mi piace!!!
    arriverebbe nel mondo una immagine dell’Italia e degli italiani ben diversa da quella che normalmente e ufficialmente raggiunge il mondo intero.
    grazie Otello.
    non ho le competenze che richiedi, ma se c’è da diffondere qualcosa lo faccio volentieri.

  6. @Otello: ovviamente sono d’accordo anche se, ti assicuro, è molto più difficile e meno “scontato” di quanto pensi. Internet è un grande strumento, ma è anche un’arma a doppio taglio. Infine ci sono tante tante persone che non usano internet, non solo perchè non ne sono capaci, ma perchè su internet è facilissimo perdere tantissimo tempo, che molti preferiscono usare in altro modo. Questo solo per dire di lavorarci con attenzione e senza troppi facili ottimismi, il concetto lo condivido pienamente.
    P.S. se vuoi raggiungere gli italiani all’estero a che servono i traduttori?!?!

    @Marina: tu scrivi “Questo per cercare di essere non l’ennesimo gruppo che raccoglie i malcontenti e fa delle proposte di legge, ma il gruppo che unisce i gruppi che hanno gli stessi obiettivi”.
    HAI PROPRIO BECCATO IN PIENO LO SPIRITO DELLA RETE DEI CITTADINI!

    @Mara: La malagiustizia può diventare davvero una vera piaga sociale… Corruzione, avidità, favoritismi, etc. possono avere delle conseguenze tremende… Ti siamo vicini, Per quel che può valere…

  7. Caro Sergio,

    in merito a questo mio progetto ne sto discutendo su FB con diverse persone (che stanno risposndendomi privatamente, al messaggio che ho inviato a tutti tramite il gruppo che tratta di questa petizione)

    Il tema è molto sentito e questo mio progetto (da quello cheposso vedere) è stato recepito ed apprezzato da un bel numero di Cittadini.

    E’ vero peraltro, che bisogna tener giusto conto del fatto, che la partecipazione “virtuale e multimediale” ci può ingannare … rispetto a quelli che possono essere gli effettivi soggetti interessati, ma io (per ora) mi sto occupando (in particolar modo) delle opinioni di coloro che condividono il mio profilo e le mie battaglie per la legalità,

    E gia questi, (a parte alcuni malintesi) ritengo che siano un’ottima rappresentanza, di persone ATTIVE E GENEROSAMENTE disponibili.

    In merito al tuo interrogativo *se vuoi raggiungere gli italiani all’estero a che servono i traduttori?!?!

    La lingua italiana rispetto all’inglese, al Tedesco, al Francese e allo spagnolo/portoghese (per i tanti paesi dell’america latina, dove vivono molti n/s connazionali) … ha ben poche possibilità di essere recipita!

    Molti n/s connazionali, che vivono da due o più generazioni all’estero (facci caso) hanno una capicità di espressione che è veramente ridotta rispetto alla lingua della Nazione nella quale risiedono!

    Penso quindi, che (alcilà dell’utilizzo dell’italiano) sia anche molto importante, poter tradurre in varie lingue, per veicolare brevi messaggi e concetti, sui tanti server che NON UTILIZZANO LA N/S LINGUA ma che hanno comunque, fra gli abitanti del loro Paese, una bella rappresentanza di Italiani!

    Ciao Marina, qui (come ti ha detto anche Sergio) puoi sentirti come a casa tua. ;-)

    A Mara che dire? Chi è stato toccato sa … ma tu devi essere forte, vedrai che presto ci sarà una svolta !

    A Patrizia, un ringraziamento particolare per aver compreso perfettamente il mio progetto! Gli Italiani all’estero, anche se da molti anni, hanno sempre un occhio puntato sui loro luoghi di nascita e potranno (sicuramente più degli italiani “fissi”! ) dimostrare il loro interesse e la loro partecipazione a molte questioni!

Lascia una risposta

Devi essere loggato per inviare un commento.