Stai visitando l'archivio per tecnologie.

Il prezzo del kWh? Quante bugie.

17 maggio 2012 in Ambiente, Economia, tecnologie

Riceviamo e pubblichiamo sperando di fare come al solito, un servizio..

da SOS Rinnovabili

 “Questa è la settimana decisiva per le sorti del V Conto Energia. Questo è il momento di farsi sentire e di far conoscere a tutti la verità sul sistema energetico italiano.
La nostra grande forza è la rete, usiamola per fare vera informazione.
Sos Rinnovabili nei prossimi giorni vi invierà alcune informazioni che è molto importante che i cittadini italiani conoscano. Aiutateci a diffonderle. La coscienza civica e le informazioni sconfiggono le lobby.
Domenica 13 maggio l’elettricità, nelle ore di sole, fra le 8 e le 18 costava circa 3 centesimi di euro per kWh mentre raggiungeva i 9 centesimi di euro per kWh la sera in assenza dell’effetto fotovoltaico.

Continua a leggere questo articolo →

La rete elettrica in mano ai cittadini? Berlino ci prova

16 maggio 2012 in Articoli, tecnologie

Una cooperativa civica tedesca mira a strappare la rete elettrica di Berlino alla gestione di un’azienda privata, per puntare sulle rinnovabili e ripensare l’approvvigionamento energetico a partire dai bisogni della collettività e non del profitto. Come? Comprandola con le quote dei soci-cittadini.
di Angela Lamboglia – da il Cambiamento

Una cooperativa civica tedesca mira a strappare la rete elettrica di Berlino alla gestione di un’azienda privata

Alla fine del 2014 scadrà la concessione per la gestione della rete elettrica di Berlino, la più grande in Germania, oggi assegnata alla società svedese Vattenfall. Alla gara per l’attribuzione partecipa anche la cooperativa civica BürgerEnergie Berlin (BEB), che ha però un progetto più ambizioso: comprare la rete con il sostegno della cittadinanza e avviare una transizione verso una gestione democratica della fornitura energetica e un maggiore sviluppo delle fonti rinnovabili. Continua a leggere questo articolo →

WiserEarth: uno strumento sociale per costruire un futuro migliore, ecologico e solidale!

16 gennaio 2012 in Articoli, Democrazia Diretta, tecnologie

di Roberto Salustri

WiserEarth è il social network per la sostenibilità, una comunità in rete che consente di conoscere e connettere quel movimento globale composto da organizzazioni e singole persone interessate ai problemi più importanti della nostra epoca: cambiamenti climatici, povertà, ambiente, pace, acqua, fame, giustizia sociale, conservazione della natura, diritti umani e tante altre questioni che centinaia di migliaia di gruppi e organizzazioni affrontano ogni giorno. La missione di WiserEarth è di connettere queste persone e queste organizzazioni, condividere le conoscenze e costruire alleanze per far fronte ai problemi. Tutti gli strumenti e i contenuti sono ad uso libero e gratuito. Il sito è inoltre privo di qualsiasi pubblicità.

Nell’ultimo anno un gruppo di volontari ha tradotto in italiano la piattaforma wiserearth.org consentendo la promozione di WE anche in Italia, il lavoro di traduzione continua per consentire anche l’evoluzione di questo strumento e il suo utilizzo. Continua a leggere questo articolo →

Inceneriamo la Puglia!

1 dicembre 2011 in Ambiente, tecnologie

Rifiuti, la Puglia sceglie la via dell’incenerimento *La gestione del ciclo fondata sulla trasformazione dei rifiuti solidi urbani in combustibile da rifiuti. La differenziata è ferma al 18%* L’inchiesta sul numero di dicembre di Altreconomia.

In occasione della terza edizione della *Settimana europea per la riduzione dei rifiuti*, in programma dal 19 al 27 novembre 2011, * Altreconomia* anticipa i contenuti di un reportage sui rifiuti pugliesi, in uscita sul numero di dicembre della rivista.

La Puglia ha scelto di “investire” sul ciclo dei rifiuti, non per ridurli ma per bruciarli. Continua a leggere questo articolo →

da sergio

Le energie rinnovabili

13 agosto 2011 in Ambiente, tecnologie

di ing. Paolo Mazzanti, della RETE DEI CITTADINI, dal sito Agoravox

Le energie definite “rinnovabili” sono generate da fonti inesauribili, gratuite e che, se usate per la produzione di energia elettrica, non provocano alcun inquinamento; nel mondo rispondono a questi requisiti solo le fonti idraulica, solare ed eolica.

Tutte le altre fonti non soddisfano i tre requisiti su indicati: le fonti fossili (carbone, gas, petrolio e simili) sono finite, inquinano e costano; le fonti nucleari sono finite, costano e producono scorie molto pericolose. Esse poi dipendono dai fornitori dei combustibili e quindi dalle oscillazioni e speculazioni nei mercati energetici.

Per dare una spiegazione ai dati che seguono, è opportuno fornire i numeri più importanti del sistema elettrico italiano al 31/12/2010: la potenza disponibile, essenziale per evitare rischi di “blackout”, è di 111 gWe (miliardi di Watt elettrici), la punta massima richiesta nel 2010 è stata di circa 56 gWe; l’energia netta consumata nell’anno è stata di 280 GigakWattora (Twh o miliardi di kiloWattora). Continua a leggere questo articolo →

Questo sito utilizza cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque elemento acconsenti ad utilizzare dei cookie. Maggiori informazioni | Chiudi