Foto del profilo di sergio

by sergio

Bollettino N.11(VI) – Provvedimento comitato di garanzia

7 maggio 2015 in Bollettini

BOLLETTINO N.11(VI) – Provvedimento Comitato di Garanzia

inviato il 07/05/2015 alle ore 17:30

Il sottoscritto Sergio Mazzanti, che comunica di lasciare il posto di Portavoce regionale Lazio e di tornare quindi membro del Comitato di Garanzia (i due ruoli sono incompatibili), ha richiesto urgentemente il parere degli altri membri del Comitato, che secondo il Bollettino N.9(IV) dell’1 maggio 2013 è composto dagli ex presidenti dell’associazione, sulla seguente questione.

L’attuale Segretario sta facendo un uso improprio e personale delle sue funzioni, mandando Bollettini (4) senza consultare nessuno e disinteressandosi delle opinioni degli altri iscritti.

In particolare non ha inviato il verbale dell’assemblea di domenica 26 aprile, anzi ne ha contestato la regolarità.

Chiedo dunque di togliere urgentemente all’attuale segretario l’accesso alla pubblicazione dei bollettini per evitare ulteriori danni all’associazione.

Finché non sarà scelto il nuovo segretario (è in corso la votazione) chiedo l’autorizzazione a pubblicare io stesso i bollettini.

 

Ricevuto il parere positivo di tutti e quattro i membri del Comitato di Garanzia regolarmente iscritti (Pino Strano, Alessandro Lunetta, Laura Raduta e il sottoscritto Sergio Mazzanti) ho provveduto a togliere a Ernesto Melappioni i diritti di pubblicazione dei Bollettini. Ovviamente nel caso che l’attuale segretario dovesse essere confermato, provvederò a ripristinare le sue funzioni e contestualmente rimetterò all’assemblea tutti i miei incarichi.

 

PROPOSTE E COMUNICAZIONI

1) Secondo il Bollettino N.8(VI) Pino Strano ha ritirato temporaneamente le proprie dimissioni come Presidente, fino alla scelta del successore e comunque entro due mesi.

2) La proposta di destituzione dell’attuale Segretario non può passare con il silenzio-assenso (essendo ovvio il dissenso dell’interessato). E’ già avviata una votazione per il Segretario tra Ernesto Melappioni e Laura Raduta, se la maggioranza dovesse votare per Ernesto decadrebbe automaticamente la richiesta di destituzione.

3) Ernesto Melappioni ritiene che sia stato un abuso da parte del Tesoriere Sergio Mazzanti inviare il Bollettino N.9 con il verbale dell’assemblea del 26 aprile. Sergio si rimette all’assemblea per la valutazione del suo operato.

4) Tommaso Orazi propone di rimuovere lo stato di emergenza e di sciogliere il GDL Emergenza

5) Tommaso propone di annullare i bollettini ad personam di Ernesto Melappioni; in attesa della discussione della proposta viene inserito in fondo il Bollettino N.10(VI) pubblicato dall’attuale segretario.

VOTAZIONI

Chi voti come Segretario dell’associazione? (inizio votazione 5 maggio 2015, fine votazione 12 maggio 2015)

Ernesto Melappioni

Laura Raduta

 

BOLLETTINO N.10 – Nazionale – Ulteriori irregolarità e varie

 

————

Ricevi questo Bollettino in quanto iscritto alla RETE DEI CITTADINI, alla nostra Newsletter o a una delle mailing list regionali.

Le proposte e comunicazioni si considerano accettate se entro 3 giorni non vengono contestate da nessuno, in caso contrario si passa alla discussione, direttamente tra i commenti di questo Bollettino oppure mandando un messaggio a info @ retedeicittadini.net .

Puoi partecipare direttamente alla stesura del nuovo Bollettino. (leggi le Istruzioni per l’uso)

LEGGI L’ULTIMO BOLLETTINO!

 

BOLLETTINO N.10 – Nazionale – Ulteriori irregolarità e varie

5 maggio 2015 in Bollettini

BOLLETTINO N.10 – Nazionale – Ulteriori irregolarità e varie
(inviato il 5 maggio 2015 alle ore 19:25)

Il segretario – in rispetto al ruolo che ricopre e con dispiacere – è costretto ad evidenziare ulteriori violenze allo Statuto e al Regolamento.

SI RICORDA A TUTTI CHE IL SEGRETARIO HA LA RESPONSABILITÀ DELL’INVIO DELLE COMUNICAZIONI E SE LE COMUNICAZIONI DA TRASMETTERE INDICANO VIOLENZE ALLO STATUTO O AL REGOLAMENTO È OBBLIGATO A COMUNICARE QUESTE VIOLENZE ED I RESPONSABILI.

1) VIOLAZIONE STATUTO E REGOLAMENTO – ASSENZA ISTITUTO ASSEMBLEARE

Il Tesoriere Sergio Mazzanti in data 05/05/2015 pubblica il Bollettino N.9 non rispettando il Regolamento e lo Statuto. Trattasi di bollettino che comunica in oggetto l’avvenuta Assemblea Regionale del Lazio pubblicato anche dal segretario nel Bollettino N. 8.

Ai fatti non risulta nessun istituto Assembleare del Lazio regolarmente riconosciuto e presidiato da cariche regolarmente elette: Portavoce, Segreteraio e Tesoriere ne con la costituzione di un apposito Coordinamento Regionale formato dai Portavoce regolarmente eletti di ciascun Circolo Territoriale.
Come da Statuto Articolo 4.

2) VIOLAZIONE STATUTO E REGOLAMENTO – INCOMPATIBILITÀ CARICA

Il Sergio Mazzanti in questo bollettino dichiara di essere il Portavoce Regionale regolarmente eletto nel 2013 presentando il Bollettino N.4(IV) di cui si allega il link.

http://www.retedeicittadini.net/blog/2013/03/bollettino-n-4iv/

Dichiarando in questa parte di essere anche membro del Comitato di Garanzia.

Se non erro, nel regolamento generale sezione: INCOMPATIBILITÀ DELLE CARICHE, viene espressamente sancito che la carica di Portavoce Regionale non è compatibile con quella di Garante.

Pertanto ci troviamo di fronte ad un aggravante in merito alla irregolarità dell’assemblea regionale svoltasi il giorno 26 aprile 2015 a Roma e non ad una esimente in quanto sprovvista di regolare Porta Voce.

3) VIOLAZIONE DECISIONI GIÀ UFFICIALIZZATE E OPERATIVE – PROPOSTE NAZIONALI GIÀ SOSPESE DAL 18 MARZO 2015.

Come già spiegato nei precedenti bollettini abbiamo tre gradi assembleari: Territoriale, Regionale e Nazionale e le eventuali Assemblee e votazioni devono essere conformi rispettivamente all’articolo 7 e all’articolo 6 dello Statuto. Con l’esatta individuazione dell’istituto assembleare preposto in piena regola.

Volendo ipotizzare che l’assemblea regionale è in regola (pur non essendola) la discussione e la eventuale messa in votazione delle proposte in essa contenute sono di livello Nazionale.

Pertanto è coinvolto l’istituto Assembleare Nazionale che anch’esso è sprovvisto degli elementari requisiti stabiliti dal Regolamento. Uno tra i più importanti è l’assenza del presidente.

Si Ricorda che l’ex presidente Pino Strano si è dimesso con effetto immediato il giorno 22 aprile 2015 tramite email inviata a info@retedeicittadini.it confermata anche dal Tesoriere Sergio Mazzanti quindi non è più in carica.

Questa situazione ha aggravato lo stato di Emergenza di Rdc attualmente in corso come da BOLLETTINO N.4(VI) Proposte operative. Verso l’Assemblea Nazionale.

http://www.retedeicittadini.net/blog/2015/03/bollettino-n-4vi-proposte-operative-verso-lassemblea-nazionale/
È attualmente in corso un censimento più volte proposto per la regolarizzazioni delle operazioni nazionali ma fino ad oggi nessun iscritto ha comunicato la sua posizione. O quanto meno non è pervenuta al Segretario via email.

Infatti il form preposto per inserire i dati dovrebbe inviare una mail a info@retedeicittadini.net. Ma dalla visione delle mail nessuno ha ancora compilato il form oppure lo ha fatto ma questa informazione non viene inviata alla mail di Rdc.

Gli unici iscritti regolari che ha avuto modo di constatare di persona sono: Pino Strano, Giorgio Tempesti dal vivo oltre alle iscrizione comunicate telefonicamente da Massimo Icolaro.

Questo è un altro motivo che manifesta la volontà di alcuni di scavalcare decisioni già prese e ufficializzate pretendendo di votare e prendere decisioni a livello nazionale senza prima l’adeguata ristrutturazione organizzativa.

La sospensione delle proposte nazionali – come di tutte le attività nazionali – era stata già presa implicitamente al fatto che il Gdl di Emergenza si era costituto per la presa di coscienza che Rdc non era più attiva per carenza di partecipazione.

Altrimenti perché si è ritenuto necessario fare un censimento degli iscritti?

Prima si fa il censimento, poi si riattivano regolarmente le strutture Nazionale, Regionali e Territoriali e poi si riprendono le operatività di raccolta proposte e votazioni su base nazionale quando si ha la certezza dei dati degli iscritti ma soprattutto che le comunicazioni interne tra gli iscritti siano funzionanti e verificate.

Altrimenti questa gestione confusa e non trasparente di tutto il contesto agevolerebbe il predominio dei pochi (sempre gli stessi) sui molti, impedendo a Rdc di evolversi secondo i suoi principi.

Sarebbe doveroso da parte di tutti cooperare in tal senso ma quello che si registra è un gruppo di persone che non rispettano nessuna regola ne tanto meno le decisioni regolarmente prese ed ufficializzate e che regolarmente dovrebbero essere rispettate offrendo cooperazione a chi sta lavorando per la rimessa in attività di Rdc.

Il giorno 18 Marzo si è deciso di fare un censimento per ripristinare il livello Nazionale e ad oggi il censimento (seppur riproposto) non si è completato dovuto anche a comportamenti impropri di taluni iscritti come per esempio Enza Raso che disconosce il regolamento che obbliga l’iscritto a comunicare la sua posizione entro 3 giorni dalla richiesta del Segretario o del Tesoriere.

4)

Si rende noto che il Segretario anche se più volte ha richiesto a chi di dovere il passaggio di tutti gli strumenti operativi come la mailing list per l’invio dei bollettini, le chiavi di autorizzazione al sito per controllare gli utenti in difficoltà con passw e altre richieste espresse sempre in presenza di altri iscritti all’interno del Gdl Emegenza e sui bollettini, queste richieste sono sempre state disattese… tranne quella dell’accesso alla mail ufficiale di Rdc.

Grazie per l’attenzione.

 
Foto del profilo di sergio

by sergio

Bollettino N.9(VI)

5 maggio 2015 in Bollettini

BOLLETTINO N.9(VI)

inviato il 5/05/2015 alle ore 13:45

In data domenica 26 aprile 2015 si è tenuta un’assemblea di RETE DEI CITTADINI Lazio al Fusolab. Nonostante i ripetuti solleciti l’attuale Segretario, Ernesto Melappioni, non solo non ha mandato il verbale dell’assemblea, redatto in modo partecipato da tutti i presenti, ma ha mandato un Bollettino in cui disconosce la regolarità dell’assemblea stessa.

Non entro nel merito delle questioni, che saranno risolte regolarmente secondo le regole dell’associazione, ma in quanto Portavoce regionale della RETE REGIONALE Lazio, regolarmente designato e ancora in carica nel marzo 2013 (http://www.retedeicittadini.net/blog/2013/03/bollettino-n-4iv/) e Tesoriere in carica (oltre che membro del Comitato di Garanzia come ex Presidente), dopo aver consultato il Presidente Pino Strano, ritengo indispensabile inviare il suddetto verbale per evitare che le proposte dei presenti all’assemblea (tutti regolarmente iscritti), non siano ufficializzate tramite Bollettino. Ricordo tra l’altro che QUALUNQUE proposta degli iscritti, che sia espressa durante un incontro fisico o in qualunque altro modo, deve essere inserita nel Bollettino. A prescindere dalla regolarità o meno di quest’ultima assemblea, le proposte inserite nel suddetto verbale sono valide per il solo fatto che sono state avanzate da iscritti.

Visto che gli ultimi Bollettini sono stati pubblicati sul sito, ma non sono stati inviati agli iscritti, invio in fondo al testo i link di questi ultimi Bollettini, scritti dal Segretario Ernesto Melappioni. Dal momento dell’invio a tutti gli iscritti e simpatizzanti del presente Bollettino scattano i 3 giorni di silenzio-assenso per tutte le proposte.

Tra le proposte del verbale c’è la candidatura di Laura Raduta a Segretario dell’associazione, a sostituzione dell’attuale segretario. Non potendo ovviamente valere qui la regola del silenzio-assenso, parte da ora la votazione per la scelta del Segretario dell’Associazione.

Sergio Mazzanti

VOTAZIONI

Chi voti come Segretario dell’associazione?

Ernesto Melappioni

Laura Raduta

Verbale assemblea regionale RETE DEI CITTADINI Lazio

Domenica 26 aprile 2015

Presenti: Marco Finotti, Alessandro Lunetta, Sergio Mazzanti, Tommaso Orazi, Laura Raduta, Enza Raso. Via web: Pino Strano.

Si ricorda che le prese di posizione dell’assemblea esprimono l’opinione dei presenti e sono da considerare come proposte fino alla approvazione successiva alla pubblicazione del Bollettino.

L’assemblea discute dei temi dell’OdG: Valutazione della situazione interna di RETE DEI CITTADINI (RdC) e proposte su come andare avanti.

Al centro degli interventi la situazione creata dagli interventi di Ernesto Melappioni, nuovo segretario dell’associazione. La maggioranza esprime contrarietà per i modi con cui Ernesto sta portando avanti le sue posizioni, contrari allo spirito di RdC e al Manifesto. Sergio e Pino ritengono che nonostante i modi sbagliati, una parte delle richieste di Ernesto sono condivisibili. Sergio sottolinea il notevole sforzo di energie ed economico di Ernesto e Giorgio per seguire gli incontri politici nazionali di altri progetti.

Tommaso chiede di discutere la mozione di sfiducia proclamata da Ernesto nei suoi confronti e nei confronti di Laura. Tutti i presenti ritengono la mozione priva di argomentazioni e solide motivazioni. Tutti votano contro la mozione.

Alessandro lamenta il fatto che il comportamento violento e intollerante di Ernesto, e in parte di Giorgio Tempesti, quando intervengono pubblicamente a nome di RdC, mette in cattiva luce il progetto e contrasta con la tradizionale linea non violenta e aperta al dialogo (come ben espresso dal Manifesto).

Tutti chiedono a Ernesto e Giorgio di cambiare modalità di discussione e linguaggio, soprattutto quando si presentano come esponenti di RdC, evitando attacchi violenti e insulti personali.

La maggioranza dei presenti non si sente rappresentata da Ernesto. Enza, Marco, Alessandro, Tommaso e Laura ne chiedono le dimissioni come Segretario.

Laura si propone come nuovo Segretario.

L’assemblea chiede a Pino di congelare le proprie dimissioni come Presidente; Pino accetta di essere presidente dimissionario fino alla votazione del nuovo presidente, ma in ogni caso al massimo entro due mesi. L’assemblea invita Tommaso a proporre la propria candidatura, da votare insieme a quella di Giorgio (propostosi nel Bollettino N.6[VI]). Tommaso per ora non accetta.

 

BOLLETTINO N.6(VI) Comunicazioni Urgenti

BOLLETTINO N.7 NAZIONALE – Comunicazioni organizzative, censimento e altro.

BOLLETTINO N. 8 (VI) – Nazionale – Irregolarità assembleari e varie.

————

Ricevi questo Bollettino in quanto iscritto alla RETE DEI CITTADINI, alla nostra Newsletter o a una delle mailing list regionali.

Le proposte e comunicazioni si considerano accettate se entro 3 giorni non vengono contestate da nessuno, in caso contrario si passa alla discussione, direttamente tra i commenti di questo Bollettino oppure mandando un messaggio a info @ retedeicittadini.net .

Puoi partecipare direttamente alla stesura del nuovo Bollettino. (leggi le Istruzioni per l’uso)

LEGGI L’ULTIMO BOLLETTINO!

 

BOLLETTINO N. 8 (VI) – Nazionale – Irregolarità assembleari e varie.

4 maggio 2015 in Bollettini

BOLLETTINO N. 8 (VI) – Nazionale – Irregolarità assembleari e varie.
(inviato Lunedì 4 maggio 2015 ore: 13:00)

L’attuale segretario Ernesto Melappioni anche partecipante al Gdl di Emergenza costituito per la ristrutturazione e rimessa in operatività di Rdc rende noto il tentativo di convocazione e messa in esecuzione di un Assemblea Regionale risultante irregolare secondo Statuto e Regolamento.

Gli iscritti Marco Finotti, Alessandro Lunetta, Sergio Mazzanti, Tommaso Orazi, Laura Raduta, Enza Raso e Pino Strano il giorno 26 aprile si sono riuniti in Roma presso il Fusolab 2.0 dalle ore 16:00 alle ore 20:00 in un assemblea mista dichiarata di livello regionale pur non avendo le opportune autorizzazioni secondo Statuto e Regolamento.

Si ricorda a tutti gli iscritti che l’assemblea è il principale organo di sovranità legislativo interno e
per essere riconosciuto valido (un qualsiasi istituto assembleare territoriale) deve avere dei precisi requisti ed essere ufficializzato con apposita pubblicazione sul bollettino come da Statuto articolo 4 di cui di seguito si ricorda la fattispecie regionale:

“ La Rete Regionale (RR) è l’insieme dei CT, dei Gruppi Aderenti, degli iscritti e dei simpatizzanti di RdC in ciascuna regione. Ogni RR elegge un Coordinamento Regionale (CR) formato dai Portavoce dei CT e dei Gruppi Aderenti presenti nella regione con un numero minimo di iscritti a RdC stabilito dal Regolamento Generale.
I CR hanno funzione organizzativa, informativa e di raccordo tra i CT di ciascuna regione; promuovono la creazione di CT a seconda delle esigenze locali. Il CR ha il compito morale e istituzionale di tradurre in proposte organiche le esigenze degli iscritti e dei GA e di organizzarla e gestirla dal punto di vista amministrativo e burocratico. Il CR nomina un suo Portavoce. I requisiti minimi per la costituzione di una RR devono essere indicati nel Regolamento Generale. Ogni RR può approvare un Regolamento Locale per organizzare alcuni aspetti della vita associativa, dei CT e delle votazioni in ambito regionale.”

Inoltre i suddetti iscritti hanno anche trattato irregolarmente tematiche di interesse nazionale (anziché regionali) per come si evince dalla proposta di verbale che è stata sospesa per le evidenti infrazioni.

http://www.retedeicittadini.net/blog/docs/proposte-e-comunicazioni-nuovo-bollettino/

Il segretario ricorda a tutti gli iscritti che ci troviamo in una situazione di Emergenza per la quale è stato istituito un apposito Gdl. Tale situazione di Emergenza è stata sollecitata soprattutto dagli iscritti operativi Ernesto Melappioni e Giorgio Tempesti che si sono più volte lamentati della disgregazione organizzativa e assembleare di Rdc; costretti anche ad alzare i toni per richiamare tutti alle proprie responsabilità; visto che sul territorio nazionale per la stagione 2015 non si registra ancora nessun istituto assembleare riconosciuto valido a causa della pressante disgregazione organizzativa iniziata dalla fine delle competizioni elettorali del 2013 e proseguita fino ad oggi abbassando ai minimi storici il livello della partecipazione di Rdc e per la quale si stanno studiato le cause ed individuando le responsabilità.

Si informa pertanto che allo stato attuale serve l’aiuto di tutti per ricostruire al minimo regolamentare i principali istituti assembleari al fine di organizzare anche l’elezione regolare del nuovo presidente.

Si registra e si rende noto la seconda violenza documentata ai regolamenti di Rdc da parte dell’iscritto Alessandro Lunetta. La prima registrata in data 12 febbraio 2015 quando dal gruppo operativo Rdc su Fb ha bannato l’iscritto Ernesto Melappioni senza una valida motivazione e senza consultare gli altri amministratori come da regolamento interno, la seconda con la partecipazione ad un assemblea irregolare, pertanto se ne propone l’espulsione diretta e permanente dal progetto Rdc.

Giorgio Tempesti propone a tutti gli iscritti volenterosi ad una riunione informativa per discutere sulla ricerca di soluzioni attuative valide per riattivare l’organizzazione di Rdc come dalle finalità programmate secondo Statuto articolo 3.

Il segretario Ernesto Melappioni comunica ufficialmente che allo stato attuale dalla sua elezione in carica ancora non ha ricevuto dalle altre cariche, e/o precedenti cariche, la consegna di tutti gli strumenti utili alla messa in opera della carica sociale: di Segretario: accesso alla mailing list (cioè la lista delle mail di tutti gli iscrtti) per verificare l’effettivo funzionamento delle comunicazioni interne, le autorizzazioni di amministratore del sito istituzionale su piattaforma wordpress al fine di gestire autonomamente dalla bacheca wordpress le posizioni degli utenti che riscontrano eventuali difficoltà nell’accesso al sito e quindi alle comunicazioni interne che sono una responsabilità del Segretario.

Si registrano le attività degli Iscritti Massimo Icolaro e Marinella Gaudino sul territorio di Latina intenti alla messa in operatività e ufficializzazione del Circolo Territoriale preposto.

Si registrano le attività di Giorgio Tempesti e Ernesto Melappioni intenti dall’8 giugno 2014 alla realizzazione di un progetto nazionale atto riunire le anime democratiche dirette italiane in un progetto federativo e si informa che il giorno 26 aprile 2015 erano presenti alla seconda tappa della costituente avutasi in Milano presso l’auditorium Valvassori Peroni.

Restano ancora inevase tutte le richieste ufficiali trasmesse sui bollettini precedenti da parte dei diretti responsabili ed inerenti alla chiusura trasparente dei bilanci e alla rendicontazione dei movimenti monetari dal 2013 ad oggi della postpay di Laura Raduta pubblicata sul sito.

Si rende noto, da comunicazioni interne al Gdl Emergenza da parte di Sergio Mazzanti che gli ultimi due bollettini (e probabilmente lo sarà anche per questo) non sono stati inviati tramite email pertanto si sollecitano nuovamente gli interessati Sergio Mazzanti e Pino Strano a risolvere al piu presto.

Si rende noto che, tranne i pochi operativi che si sentono quasi quotidianamente, il Segretario non ha ancora ricevuto ulteriori censimenti come da invito pubblicato nel bollettino N.7.

Si informa dopo indagine di mercato che le Poste Italiane offrono un servizio bancario apposito per le associazioni senza fine di lucro a basso costo con abbonamento mensile di € 7 mensili al fine di aprire un conto direttamente intestato a nome dell’associazione che è la personalità giuridica e unica garante del bene comune di Rdc.

Il Segretario Ernesto Melappioni.

 

Rifiuti zero lettera a Paul Connett

30 aprile 2015 in Ambiente, Appelli, Campagna sensibilizzazione

di Ornella Pistolesi RETE DEI CITTADINI per Aprilia

Denuncio il tentativo (l’ ennesimo) da parte di strutture verticalistiche di appropriarsi del duro e tenace lavoro orizzontale portato avanti con fatica e competenza da 80000 cittadini che, senza bisogno di bandiere e o cappelli, hanno pensato, elaborato, depositato un testo di legge per una gestione sostenibile dei Rifiuti, attualmente in discussione in Commissione Ambiente alla Camera.
Oggi Legambiente, favorevole all’incenerimento e partner di Sorgenia già Di Benedetti ora delle banche (Mps di Renzi), insieme a ZWI, associazione non riconosciuta nel Lazio, organizza un convegno sul percorso ZW scavalcando a piè pari Zero Waste Lazio, associazione da anni presente e operante nella nostra regione, promotrice di grandi iniziative di lotta e di proposte utili al percorso Verso Rifiuti Zero, contraddicendo regole fissate insieme in assemblea nazionale a ottobre scorso.
La democrazia partecipata, principio del nostro modo di fare politica è stata calpestata e usata solo per sbandierare i numeri e fare “cassa”. Certa di trovare solidarietà tra “noi”, chiedo di dare voce a questo appello.
Grazie Ornella Pistolesi

LETTERA APERTA AL PROF. PAUL CONNETT italiano